Aeroporto di San Francisco

Aeroporto di San Francisco

La città più piovosa della California è anche la più bella e la più stravagante. Scoprire San Francisco è sempre un’occasione da non perdere, perché sembra sospesa in un mondo da fiaba. Casette di legno colorato che sonnecchiano all’ombra dei grattacieli, un ponte rosso fuoco, strade che si curvano tra aiole fiorite, tram con il campanello che sembrano usciti da un romanzo ottocentesco.

Per vivere sulla pelle la magia di questa città, provate l’ebbrezza di arrivare direttamente nel suo aeroporto. Comincerete a conoscerla proprio da lì. L’aeroporto di San Francisco si affaccia sulla bellissima baia della città, a 21 km dal centro, ed è grandissimo sebbene non il più grande della California. E’, comunque, uno degli aeroporti più importanti dell’America del Nord. Nato nel 1927 come Mills Field Airport, doveva servire a collaudare voli sperimentali, ma già nel 1930 veniva usato con successo per i collegamenti commerciali con Los Angeles e con la capitale della California, Sacramento.

Fu solo dopo la II Guerra Mondiale, quando fu utilizzato come scalo militare per i voli verso il Pacifico, che la struttura venne ampliata e iniziarono i voli civili. Dal 1950 in poi partirono i primi voli verso l’Europa, per cui l’aeroporto divenne internazionale. Oggi l‘aeroporto di San Francisco è uno dei migliori aeroporti di smistamento per i voli da e per Asia e Oceania, ma mantiene elevato anche il traffico dei voli provenienti dall’Europa. Serve la California del nord e buona parte degli stati limitrofi come Nevada e Oregon.

Come funziona l’aeroporto di San Francisco

Dall’aeroporto di San Francisco transitano circa 60 milioni di viaggiatori l’anno, in prevalenza stranieri e quasi tutti extra americani. L’aeroporto ha tuttavia un ruolo importante anche per i collegamenti con il centro-nord degli Stati Uniti e con il Canada. Questo enorme traffico umano – ma anche commerciale, via cargo – viene gestito da quattro terminal di grandi dimensioni e da quattro piste, la più lunga delle quali misure 3,6 km.

I terminali dell’aeroporto di San Francisco sono suddivisi a loro volta in diversi “moli”, strutture che smaltiscono in maniera pratica e ordinata il movimento di merci e persone a seconda delle direzioni che devono prendere. Il più antico è il Terminal 2, costruito durante l’ampliamento dell’antico Mills Field Airport, quindi fu aggiunto il Terminal 1, poi il terzo e infine quello internazionale.

  • Terminal 1 – gestisce i voli nazionali, inclusi quelli per il Canada, e si suddivide in due “moli”, chiamati B e C.
  • Terminal 2 – anche questo è pensato per smaltire il traffico nazionale e canadese, con una sola estensione (D)
  • Terminal 3 – insieme agli altri due, completa il quadro dei terminal dedicati ad arrivi e partenze nazionali – dove per “nazionali” si intendono anche aerei provenienti da altre città degli Stati Uniti dove magari hanno fatto scalo arrivando dall’estero. Di suddivide nei “moli” E ed F.
  • Terminal Internazionale – il grande settore che comprende i “moli” A e B è dedicato esclusivamente agli arrivi e alle partenze dei voli internazionali e intercontinentali.

Le compagnie aeree che usano più di tutte l’aeroporto di San Francisco sono la United Airlines che qui ha il suo hub e la Alaska Airlines ma in linea di massima a San Francisco troverete tutte le maggiori compagnie aeree del mondo, e quasi tutti i low cost. Quelle con più frequenza sono American Airlines, Air Canada, Air Italy, Air France, Air China, British, Delta, Emirates, Iberia, Lufthansa,  tutte le compagnie sudamericane (Latam, Copa, Mexico, Avianca…)  e i più importanti vettori cargo. I collegamenti con l’Italia sono garantiti stagionalmente da Air Italy con partenza da Milano Malpensa, e tutto l’anno da Fiumicino con Air France, Delta, KLM, Lufthansa e altre. Le partenze da Roma sono tutte con scali intermedi.

Il codice di questo aeroporto è SFO.

Servizi offerti dall’aeroporto di San Francisco

Attese snervanti? Non fanno parte della storia dell’aeroporto di San Francisco. Qui centinaia di negozi e ristoranti sparsi per i quattro terminal vi permetteranno di occupare le ore facendo ottimo shopping (abbigliamento, libri, estetica, benessere, degustazioni anche vegane, elettronica, giocattoli, gioiellerie…) oppure mangiando presso le migliori marche di ristoranti, fast food e slow food! Non mancano i souvenir e i dutyfree.

Naturalmente le imponenti misure di sicurezza offrono presidi di polizia, di controllo dogana, presidi medici, banche e cambiavalute. Gli autonoleggio sono organizzatissimi e potrete affittare qualsiasi mezzo seguendo procedure rapide e pratiche. Sale relax, sale per VIP, sale per business, zone di gioco per i bambini e zone di gioco per i cani e i gatti completano il quadro. Il wi-fi è gratuito. Potete lasciare i bagagli in custodia e perfino farvi lavare l’auto!

L’assistenza i disabili è gestita in modo ottimale, sia nelle strutture che nel momento dell’aiuto fisico alle persone in difficoltà. Per chi cerca alloggio nei pressi dell’International, l’hotel più vicino è il Gran Hyatt, seguito da Westin, Aloft, Comfort Inn Suites, Marriott, Hampton Inn e decine di altri nei dintorni.

Collegamenti da e per l’aeroporto di San Francisco

I collegamenti migliori dall’aeroporto di San Francisco alla città sono quelli tramite ferrovia. Ben tre servizi di treni connettono l’International al centro cittadino: il BART, il Caltrain, e il SamTrans. Economici e comodi, sono il mezzo più rapido in assoluto. Ma se non avete fretta, provate anche gli autobus.

BART e SamTrans gestiscono anche le linee di bus veloci per l’aeroporto, come 140, 292, 347, 398, 399 mentre i taxi sono disponibili, purché a pagamento e abbastanza cari, in ogni versione: pubblica, privata, diretta, di lusso, con autista personale o con autista solo di accompagnamento. Le compagnie che servono lo scalo internazionale sono decine e non vi mancherà certo la scelta, per ogni destinazione.

Caratteristiche particolari

L’aeroporto di San Francisco è stato il primo al mondo ad adottare con successo il programma di abbattimento del rumore per gli aerei che atterrano e partono dalle sue piste, migliorando notevolmente la vita dei quartieri intorno.

L’International è provvisto di un sofisticato e modernissimo “treno ad aria” che collega i quattro terminal rapidissimamente tra loro.

Dentro l’aeroporto sorge un bellissimo museo che ospita mostre d’arte, eventi e spettacoli per intrattenere i visitatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *