Due giorni a Madrid: cosa fare e cosa vedere

due giorni a Madrid

Hai pochi giorni a disposizione per fare un bel viaggio, hai scelto la capitale spagnola ma sei indeciso sull’itinerario e non sai a quali attrazioni dare la precedenza? Non preoccuparti, in questo articolo vedremo quali sono i luoghi da non perdere assolutamente passando due giorni a Madrid.

Itinerario primo giorno




Per prima cosa una visita al Museo del Prado è d’obbligo: al suo interno sono conservati, infatti, dipinti dei più importanti maestri della scuola fiamminga, italiana e spagnola. I quadri che ogni anno richiamano milioni di turisti sono attribuiti a pittori del calibro di Vèlazquez, Tiziano, Goya, El Greco, Rubens e Bosh oltre naturalmente ad importanti collezioni famose a livello mondiale.

Il Parco del Retiro

Il Parco del Retiro, inoltre, è uno dei più importanti e grandi polmoni verdi della città ed un salto è davvero consigliato. Tantissimi sono i giardini da cui è composto:

  • Jardines de Cecilio Rodriguez
  • Jardin de Vivaces
  • Jardines del Arquitecto Herrero Palacios
  • Rosaleda ovvero una collezione di bellissime rose
  • Parterre Francès con il cipresso calvo e l’albero più longevo presente in città

All’interno del parco vi è l’Estangue grande, dove è possibile andare in barca con i remi, il Palazzo di Velàzquez, il Palazzo di vetro ove ultimamente vengono organizzate innumerevoli mostre. Tanti sono gli elementi volti ad abbellire il parco: tra queste possiamo ammirare fontane e sculture.

In particolare da vedere in due giorni a Madrid è la statua dell’angelo caduto, ovvero l’unica statua presente al mondo a raffigurare il diavolo, oltre alla fontana delle Galapagos costruita con lo scopo di ricordare la nascita di Isabel II.

Il Palacio de Cibeles

Tra le attrazioni di Madrid da non perdere assolutamente vi è anche il Palacio de Cibeles, ovvero la sede del Municipio ed uno dei primissimi esempi dell’architettura modernista. Oltre ad essere un centro culturale ricco di attività interattive che ogni giorno ospita turisti e cittadini del luogo, presenta una caffetteria, un ristorante molto rinomato e dalla cima si può godere di una spettacolare vista su Madrid.

Piazze e monumenti

Se siete due giorni a Madrid non potete non fermarvi presso una delle piazze più famose in città: facciamo riferimento alla piazza della Porta del Sol: essa presenta una pianta circolare e tutte le vie più antiche della città confluiscono proprio in questa piazza. Qui si possono ammirare le statue dell’Orso e del Corbezzolo, ovvero gli elementi presenti sullo scudo simbolo di Madrid. Nella piazza di Porta del Sol vi è anche la statua della Mariblanca e la statua equestre di Carlos III, cioè il re che nel diciottesimo secolo conferì a Madrid un aspetto più moderno dal punto di vista della viabilità e delle infrastrutture.

Cosa fare la sera a Madrid

La sera dopo aver cenato in qualche buon posticino, ed a proposito è d’obbligo assaggiare le tapas, potrete avventurarvi alla ricerca del locale perfetto dove passare un buon after: i più raffinati non devono perdere il quartiere Salamanca, chi è alla ricerca di buona musica live pop/rock deve bazzicare il quartiere di Malasana mentre i discotecari incalliti dovranno dirigersi verso la Gran Via ed il quartiere Sol. A Madrid non manca mai cosa fare, fino alle sei del mattino potrete avere l’imbarazzo della scelta senza alcuna possibilità di annoiarvi.

Itinerario secondo giorno




Dopo una bella colazione energizzante madrilena partite alla volta del Palazzo Reale, ovvero una tappa obbligatoria per chi visita Madrid: si tratta di uno dei monumenti più affascinati della capitale spagnola. Esso è stato costruito in seguito all’incendio del 1700 e presenta un elegante stile barocco italiano, come voleva la moda del tempo. Da non perdere il mercato di Sant Miguel: quest’ultimo è il più ammaliante della città con i suoi banchi ricchi di prodotti tipici freschi, di stagione e soprattutto di alta qualità.

Se vi trovate a passare due giorni a Madrid non potete non fare un salto a Plaza Major la quale è molto famosa per la Statua di Filippo III, regalo del Duca di Firenze al re di Spagna. Da vedere in questa piazza anche la Casa de la Panaderia che un tempo era la panetteria più rinomata a Madrid ed infine l’Arco de Cuchilleros che, tra le nove porte d’accesso alla Plaza Major, è in assoluto la più famosa.

Cosa sapere sull’aeroporto di Madrid

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *