Aeroporto di Bogotà

Aeroporto di Bogotà

Bogotà è la capitale più discussa del più discusso stato sudamericano, la Colombia. Le guerre dei cartelli della droga l’hanno segnata nel tempo e nella fama, allontanando per anni il turismo dal suo territorio. Ma ultimamente, con il rimodernamento della città, le cose stanno cambiando al punto che questa capitale torna ad attirare la curiosità di molti.

Insieme a Bogotà cresce il turismo colombiano e aumentano gli affari di una  intera nazione. Per questo i collegamenti sono importanti oggi più che mai e l’aeroporto internazionale diventa il cuore pulsante di questo rinnovamento. Bogotà, tra l’altro, sorge nel centro esatto del grande territorio della Colombia per cui è equidistante da ogni regione e il suo aeroporto collega ogni punto cardinale della nazione.

L’aeroporto di Bogotà, entrò in funzione nel 1959 per sostituire lo scalo più vecchio che fino ad allora aveva servito la capitale colombiana. Il primo aeroporto era datato 1930 e sebbene quindi in uso da trent’anni appena non soddisfaceva più le necessità di una città e di uno stato sempre più in crescita. Tra il 1950 e gli anni Settanta, infatti, la rapida modernizzazione della Colombia pretendeva molto di più. El Dorado riuscì a dare in pochi anni la regolamentazione del traffico aereo che serviva allo scopo.

Come funziona l’aeroporto di Bogotà

L’aeroporto di Bogotà nasce principalmente per il “ponte aereo”, ovvero per rifornire di beni, velocemente e senza sbaglio alcuno, le zone periferiche della Colombia. Ospitava anche il CATAM, il servizio aereo militare di trasporto, uno dei più efficienti del Sud America. Nel corso del XX secolo, l’aeroporto si è sempre più aperto verso i voli intercontinentali e oggi è uno dei migliori del continente americano e sicuramente il migliore dell’America Latina. Oggi serve circa 35 milioni di passeggeri l’anno, prevalentemente stranieri ma non per forza extra americani.

La struttura dell’aeroporto di Bogotà è suddivisa in quattro terminal, di cui tre passeggeri e uno commerciale e può servirsi di due piste, entrambe lunghe 3.800 metri e adatte al rullaggio di qualsiasi tipo di aeromobile.

Un terminal (Terminal 2) è dedicato esclusivamente ai voli della AVIANCA, compagnia di bandiera nazionale che qui ha il suo hub principale. Altri due terminal dell’aeroporto di Bogotà sono dedicati rispettivamente ai voli nazionali e a quelli internazionali. A parte si trova il terminal per i cargo commerciali e per i voli militari. Quest’ultimo terminale è l’approdo cargo più grande e importante del Sud America.

Oltre alla suddetta AVIANCA che qui è una istituzione e ha grande potere, l’aeroporto El Dorado è sede legale anche dei vettori LATAM Colombia, Sartena e Wingo Air. Le compagnie di tutto il mondo fanno frequentemente scalo qui sebbene quelle che lo utilizzano più di tutte sono le derivate di LATAM e quelle di AVIANCA, Aerolinas Argentinas, Air Canada, Copa, Iberia, Lufthansa, Air Europa e Air France. I collegamenti con l’Italia sono effettuati – sempre con scalo – da Iberia, Air France e Air Europa dall’aeroporto di Roma Fiumicino e tramite Lufthansa da Milano Malpensa con due scali.

Il codice di questo aeroporto è BOG.

Servizi offerti dall’aeroporto di Bogotà

Il wi-fi gratuito è presente ovunque nella struttura dell’aeroporto di Bogotà, il che conferma la sua anima commerciale e turistica in costante evoluzione. Stesso discorso per gli autonoleggio che sono ben organizzati e presenti con tutte le principali ditte. Ristoranti e negozi si trovano un po’ ovunque sebbene la maggiore concentrazione si abbia nel Terminal 2 AVIANCA, dove è possibile una più ampia scelta.

Nel terminal internazionale è presente il cambio valute, gli sportelli bancari sono ovunque così come le sale relax, le sale VIP e le aree per la custodia dei bagagli e le facilitazioni per i portatori di handicap. Particolare attenzione è riservata al settore degli arrivi internazionali con controlli severi alla dogana, ma di base i posti di polizia si trovano a protezione dell’intera struttura. Diversi i presidi medici, incluso un piccolo ospedale, in tutti i terminal.

L’alloggio per chi arriva, o chi attende coincidenze, all’El Dorado di Bogotà si trova relativamente vicino. L’aeroporto si trova alla fine del viale El Dorado dove sorgono decine di ottime strutture turistiche per l’accoglienza. Le più prossime allo scalo sono: Marriott, Habitel, Aloft Bogotà e City Express (a circa 1 km dai terminal) oppure Sheraton, Holiday Inn e Hilton Bogotà a 2 km.

Collegamenti da e per l’aeroporto

Autobus e taxi servono i collegamenti tra l’El Dorado e il centro di Bogotà – a circa 10 km dallo scalo – e hanno linee preferenziali che danno loro precedenza su tutto il traffico della capitale. Una di queste linee è la Transmilenio che parte dal Terminal 1 e lavora dalle 4:30 del mattino alle 23 circa (nei festivi dalle 6 alle 23); oppure la linea Urbana, con gli stessi orari, sempre dal Terminal 1; potrete prendere anche i bus privati degli hotel a qualsiasi terminale.

In alternativa ci sono i pulmini, o mini van, sia pubblici che privati che effettuano servizio 24 ore su 24. Anche i taxi, più costosi, sono sempre in funzione. La compagnia autorizzata è TaxImperial, che può offrire più di mille veicoli con relativi autisti.

Caratteristiche particolari

Esiste un servizio chiamato “autobus satellite” che funziona esclusivamente dentro la struttura aeroportuale e collega tra loro i vari terminal, in modo da velocizzare le operazioni e i passaggi. Ogni bus è organizzato per colore e i colori sono associati ai terminal.

Nel terminal 1 dell’aeroporto di Bogotà è presente un casinò dove si può facilmente ingannare l’attesa giocando d’azzardo in modo autorizzato dalla legge colombiana. Ma tra i servizi particolari messi a disposizione dei viaggiatori ci sono anche: sfilate di moda, spettacoli musicali e mostre d’arte!

L’aeroporto di Bogotà usufruisce anche di un piccolo ospedale interno che in realtà viene usato per lo più per le emergenze, per i casi di malattie infette sospette e per praticare vaccinazioni dell’ultimo minuto a chi ha dimenticato di farle, rischiando così di non poter partire – oppure entrare nel Paese. Un’organizzazione totale che gli è valsa certamente il meritato riconoscimento di miglior aeroporto del Sud America già più di una volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *