Come richiedere il passaporto: documenti necessari

Il passaporto è un documento d’identificazione indispensabile per viaggiare all’estero, obbligatorio per visitare qualsiasi Paese situato al di fuori dell’Unione Europea. Dal 2010 viene rilasciato in formato elettronico, con un microchip inserito al suo interno per una scansione più rapida da parte delle autorità di controllo. Vediamo in particolare come fare per richiedere un nuovo passaporto, sia che si tratti di una prima emissione che di un rinnovo.

Come e dove richiedere il passaporto




Il passaporto è un documento che viene rilasciato a tutti i cittadini italiani, residenti e non, con almeno 18 anni d’età. Ha una validità di 10 anni a partire dalla data di emissione, dopo la quale non è possibile rinnovarlo ma bisogna richiedere un nuovo passaporto. Tale documento viene rilasciato dalle Questure, dagli organi di Polizia preposti a questo servizio e dagli organi diplomatici autorizzati, per quanto riguarda gli italiani residenti all’estero.

Il passaporto è composto da un libretto cartaceo di 48 pagine, con un microchip inserito all’inserito all’interno della copertina nella prima pagina, dentro al quale sono contenute tutte le informazioni relative ai dati anagrafici e residenziali della persona in questione. Per richiedere il passaporto è necessario presentarsi presso le Questure, gli uffici passaporti della Polizia o le stazioni dei carabinieri preposti a tale servizio.

In alternativa è possibile effettuare la procedura online, per evitare le file allo sportello, direttamente sul sito della Polizia di Stato a questo indirizzo. In questo modo è possibile prenotare un appuntamento, scegliendo le date e l’orario migliori in base alle proprie esigenze e alla disponibilità dell’ufficio preposto. Gli italiani residenti all’estero devono rivolgersi invece sul sito ufficiale del Ministero degli Affari Esteri, raggiungibile a questo indirizzo.

Documenti necessari per richiedere il passaporto




Per richiedere una nuova emissione del passaporto è necessario presentare una serie di documenti, foto e marche da bollo. Innanzitutto bisogna stampare e compilare in ogni sua parte l’apposito modulo, inoltre va presentato un documento d’identità valido, carta d’identità o patente rilasciata dalla Motorizzazione Civile e fornita una copia all’ufficiale preposto.

Dopodiché sono richieste 2 fototessera abbastanza recenti, fino a un massimo di 6 mesi prima la data di presentazione della domanda, con sfondo completamente bianco e volto sprovvisto di qualsiasi oggetto possa mascherare o alterare la fisionomia del viso.

Bisogna poi pagare i costi del servizio. Questi sono caratterizzati da un bollettino da 42,50€, da versare tramite bollettino sul conto corrente numero 67422808 al Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del Tesoro, con causale specificata di “importo per rilascio del passaporto elettronico”, oltre a un pagamento di 73,50€ da acquistare presso una qualsiasi tabaccheria o centro autorizzato.

Ritiro del passaporto

Una volta effettuata la richiesta del passaporto bisogna attendere la consegna del documento. Solitamente viene indicata al momento della presentazione della domanda, tuttavia potrebbero verificarsi dei ritardi, perciò è consigliabile muoversi con largo anticipo. Il nuovo passaporto può essere ritirato anche da una persona delegata, purché maggiorenne, munita di una copia del documento d’identità del titolare del passaporto, di una delega scritta e firmata e di un proprio documento di riconoscimento valido.

Dal 2014 è possibile ricevere il passaporto direttamente al proprio domicilio di residenza, attraverso un servizio fornito da Poste Italiane in convenzione con il Ministero. Per attivare questo servizio è necessario fornire all’ufficio passaporti una busta di spedizione di Poste Italiane, firmata dal richiedente e provvista dei dati relativi all’indirizzo di spedizione. Il costo del servizio è di 8,20€, da saldare tramite la modalità del contrassegno al momento della consegna.

Passaporto per minorenni: documenti e procedura

Fino al 2012 era possibile inserire i figli all’interno del proprio passaporto, una procedura semplice e veloce che risolveva agilmente il problema dei viaggi familiari all’estero. Dal 27 giugno del 2012 tale procedimento non è più attivo, infatti è necessario richiedere un passaporto per minori sia per recarsi in Europa che al di fuori della UE. La validità del passaporto per i minorenni è di 3 anni per i bambini fino a 3 anni, mentre per quelli con un’età dai 3 ai 18 anni è quinquennale.



La procedura per la richiesta è la stessa per i maggiorenni, tuttavia è possibile prenotare un appuntamento online a proprio nome ma utilizzarlo per il passaporto del proprio figlio. I documenti necessari sono il modulo stampato e compilato in ogni sua parte, specifico per i minorenni, un documento d’identità valido del minore e una sua copia oppure un’autocertificazione del genitore e 2 fototessera con sfondo bianco.

Infine bisogna effettuare un pagamento di 73,50€ da acquistare presso tabaccai o rivenditori autorizzati e un versamento di 42,50€ da effettuare tramite bollettino postale, sul conto corrente numero 67422808 al Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del Tesoro, con causale “importo per il rilascio del passaporto elettronico”.

Il passaporto per i minori deve richiesto presso gli uffici preposti con la presenza del minore, nonostante non sia chiamato a firmare documenti, inoltre devono fornire il consenso entrambi i genitori. In caso di impossibilità di uno dei coniugi è necessario presentare una dichiarazione scritta e firmata, con fotocopia del documento del genitore assente in allegato, che autorizza la richiesta e fornisce il proprio assenso.

Bisogna poi ricordarsi che i ragazzi minorenni possono viaggiare all’estero dai 14 ai 18 anni senza i propri genitori, mentre fino ai 14 anni d’età è richiesta la presenza di almeno un genitore, oppure di un accompagnatore con relativa dichiarazione di affido da parte dei genitori.

Passaporto per viaggiare negli USA: documenti e procedura

Per viaggiare negli Stati Uniti è necessario avere un passaporto valido, con almeno 6 mesi di durata residua, e richiedere un apposito visto. Tuttavia è possibile evitare questa procedura grazie a un accordo bilaterale tra l’Italia e gli Stati Uniti, in caso di viaggi di turismo o affari, con durata inferiore a 90 giorni e se muniti di biglietto aereo di ritorno.

Per non richiedere un visto per gli USA bisogna avere un passaporto elettronico ed essere iscritti al programma ESTA, Electronic System for Travel Authorization. L’autorizzazione prevede il pagamento di una tassa di 14 dollari, oltre a un’operazione di registrazione da effettuare online a questo indirizzo, oppure presso gli uffici consolari dell’Ambasciata USA in Italia.

Passaporto temporaneo: cos’è e come richiederlo

In alcuni casi specifici è possibile richiedere un passaporto temporaneo, un documento di viaggio con durata fino a 12 mesi, sprovvisto di microchip e formato da circa 16 pagine. Questo passaporto di emergenza possono richiederlo soltanto le persone che rientrano nei seguenti casi:

  • perdita di passaporto
  • viaggi urgenti
  • impossibilità di rilevamento delle impronte digitali

Il passaporto temporaneo viene rilasciato dagli uffici preposti e dalle sedi consolari italiane all’estero autorizzate a svolgere tale servizio. Per ottenerlo bisogna presentare una copia del proprio documento d’identità, 2 fototessera con sfondo bianco e una ricevuta di pagamento pari a 5,20€, da effettuare tramite bollettino postale al conto corrente numero 3810521 del Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del Tesoro, con causale “importo per rilascio del passaporto elettronico”.

Cosa fare in caso di smarrimento o furto del passaporto

A volte può capitare di perdere o verdersi sottratti i propri documenti, ad esempio in seguito a uno scippo o per lo smarrimento del portafoglio. In queste situazioni è necessario richiedere un nuovo passaporto, in quanto non è previsto dalla normatova di legge la possibilità di ottenere un duplicato. La procedura è la stessa prevista per le nuove emissioni a scadenza.



Bisogna presentare quindi il modulo compilato e firmato, una copia del proprio documento d’identità, 2 fototessera, una ricevuta di pagamento da 42,50€ da effettuare tramite versamento sul conto corrente del Ministero dell’Economia e una marca da bollo da 73,50€, da acquistare in tabaccheria o nei centri autorizzati. Inoltre è necessario allegare la denuncia di furto o smarrimento, oppure consegnare il vecchio passaporto in caso quest’ultimo fosse totalmente deteriorato.

Furto o smarrimento del passaporto all’estero: la procedura

Qualora il furto o lo smarrimento del passaporto dovesse avvenire all’estero, è possibile richiedere un passaporto di emergenza per rientrare in Italia. Si chiama ETD, Emergency Travel Document, e viene rilasciato dagli uffici consolari presenti nel Paese debitamente autorizzati a svolgere tale funzione. Questo documento ha una validità limitata, ovvero può essere utilizzato solo ed esclusivamente per il viaggio di ritorno in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *